Gennaio 16, 2021

LA CASA MALATA – PROLOGO

By MATTEO DI GENNARO

Essendo uno scrittore ogni giorno una moltitudine di pensieri si rincorrono giocondi nella mia mente. In questo periodo sono impegnato nella stesura del mio secondo romanzo, ma nei momenti di pausa è sgorgata l’idea di questa storia che voglio condividere con voi settimanalmente. Oggi iniziamo con il prologo tanto per addentrarci dentro la sua essenza, fra qualche giorno proseguiremo col primo capitolo e così una volta per settimana. Mi auguro che diventi un appuntamento fisso, sperando di regalarvi momenti di lettura piacevoli. A presto…

LA CASA MALATA

PROLOGO

Tanto tempo fa…ma non troppo, in uno sperduto paese di montagna, c’era una casa solo apparentemente graziosa e accogliente, le mura erano solide, il giardino curato, regnava il silenzio…la quiete…la tranquillità.

I viandanti che passavano davanti a questa graziosa casa si fermavano a guardarla, rapiti dall’indiscusso fascino esteriore, ignari dell’oscuro segreto che si celava al suo interno. Una donna anziana, una più giovane e un ragazzo vivevano nascosti dentro questa vecchia dimora, uscendo solo per comprare da mangiare e per spargere subdolamente nell’aria il loro malsano odore, le loro meschine menzogne…il loro nefasto sapere. Erano ben voluti, quasi nessuno capì mai a fondo la loro vera natura e quei pochi che ci riuscirono furono banditi, sgretolati dall’ignobile giogo dei suoi aguzzini, cuori impavidi furono fatti passare per vigliacchi, cuori generosi e puri vennero spacciati per egoisti e sporchi. Guai a chi osa togliere la maschera della menzogna! Guai a chi osa portare la verità!

Uno scritto antico raccolto per caso da un anonimo viandante racconta questa storia, La Vecchia Strega Zoppa, Madame Borderline e il Ragazzo Deviato ne sono i protagonisti, La Casa Malata la loro fredda dimora.