Giugno 18, 2020

IL POTERE DELLA MENTE

By Lupo Solitario

Conclusione

In questo nostro viaggio attraverso la mente abbiamo analizzato tutte le varie fasi che portano al raggiungimento della pace interiore, conseguenza di una mente quieta.

Il percorso che porta ad un epilogo così suggestivo quanto denso della vera felicità, comporta sforzi notevoli, non facili da capire, gestire e attuare. Subito siamo sopraffatti dall’entusiasmo, dalla voglia di scoprire chi veramente siamo, ma poco dopo è facile ripiombare nel solito malsano atteggiamento, è sufficiente l’ennesima delusione, o parole taglienti che recidono in modo chirurgico quel debole senso di appagamento raggiunto. Molti pensano che sia tutto e subito, che bastino poche settimane per raggiungere risultati tangibili…non è così!

Alcune persone si chiedono quanto tempo allora ci vorrà per avere finalmente la pace…non esiste il tempo…non ci sono regole…non avviene niente che conosciamo…accade invece ciò che siamo…Dei inconsapevoli della loro grandezza.

Ho utilizzato questa frase all’inizio del nostro cammino, proprio perché è da questo concetto che dobbiamo partire. Siamo talmente abituati a sentirci piccoli, a credere che Dio sia chissà dove da non renderci conto che in realtà è molto più vicino di quanto si pensi…dimora da sempre dentro di noi in quanto noi, siamo Lui…è così da sempre. Capite bene che una volta compreso l’enorme potenziale che abbiamo, nulla ci è precluso, tanto meno la felicità.

Facciamoci trasportare dalla vita senza paura, senza preconcetti, in quanto il suo scopo è quello di guidarci alla meta ultima del viaggio intrapreso…consapevolezza del tutto…consapevolezza di farne parte…di esserne parte.

Quando ciò accadrà si risveglierà in noi la compassione, sentimento tanto caro al Dalai Lama, non cercheremo più vendette, vittorie dialettiche, non avremo più rabbia tanto meno dolore, l’odio e il rancore saranno solo un lontano ricordo, anzi, molto probabilmente nemmeno quello. Saremo talmente appagati dal benessere raggiunto, che il nostro unico desiderio sarà quello di condividerlo con ogni essere vivente, e la gioia che proveremo nel realizzare un miracolo di tale portata ci eleverà sopra ogni cosa, facendoci risplendere per l’eternità.