Giugno 5, 2020

IL POTERE DELLA MENTE

By Lupo Solitario

FASE 2 – VERSO CASA

Qui e ora – parte seconda

Nei capitoli precedenti ho descritto il lato più complicato della vita, ossia rabbia, dolore, incertezza, voglia di lasciarsi andare, tutte emozioni che sono parte integrante dell’essere umano e della vita stessa. Il percorso che intraprendiamo fin dal primo respiro è denso di insidie, di prove che a volte sembrano insormontabili, di cadute…ma la vita è anche e soprattutto gioia, bellezza…armonia.

A volte non è piacevole guardare in faccia alla realtà, capire di avere convissuto per buona parte della vita con mediocri ideologie che ci abbandonano proprio nel momento in cui ne abbiamo più bisogno, proprio perché non ne hanno la capacità e la forza…semplicemente scompaiono, dissolvendosi in tutta la loro pochezza.

Non è affatto semplice affrontare il malessere che ci sta inondando, talune volte faccio una fatica del diavolo a rivisitare la subdola macchinazione che da secoli ci mantiene spenti…sognatore e giocherellone da sempre, vorrei perdermi totalmente dentro il mio mondo, starmene rintanato e non uscirne più…ma che esistenza mai sarebbe senza ricerca e conoscenza, il sapere non arriva per caso, va scovato, afferrato, capito, e infine vissuto.

Negli anni ho compreso che le difficoltà, i dolori che ci arrivano, non sono altro che un dono prezioso della vita, una spinta primordiale che se opportunamente ascoltata, ci guiderà dritto incontro al nostro vero destino…non a quello programmato da altri.

Cosa fare dunque! Che strada intraprendere!

Ancora una volta voglio sottolineare l’umiltà dei miei scritti, ribadire che non mi sento arrivato, tanto meno un Santone. Come voi, Signori, vivo la quotidianità. Ho a che fare con tangenziali, semafori, rotonde intasate, il cellulare che suona anche quando non dovrebbe, ogni tanto provo ad ascoltare i telegiornali ma poco dopo spengo tutto, in quanto la miseria dei loro servizi ormai è divenuta davvero imbarazzante, ascolto musica, gioco alla Playstation con mio figlio, metto l’anima nel mio lavoro da scrittore e Ghostwriter…insomma…come Voi…vivo…come Voi…non sono un eremita. Si è instillato però in me, il bisogno di ritagliarmi uno spazio solo mio, che sia la mattina presto, nella pausa per il pranzo o alla sera, attimi in cui mi ricongiungo con me stesso, ritemprando quell’antica energia che finalmente ho compreso di avere.

Risulta fondamentale rigenerare questa antica energia, in quanto ci consentirà di avere un approccio totalmente nuovo alla vita. Lentamente diverremo sempre più tranquilli, sereni, in pace con noi stessi, e questa pace si rifletterà inevitabilmente in ogni cosa che faremo, con ogni persona che incontreremo…la nostra esistenza comincerà a scandire il battito dell’Universo, facendoci diventare parte di esso, immergendo la nostra mente nel qui e ora.

Qui e ora! Negli ultimi anni questo concetto è entrato prepotentemente nei nostri giorni, ne sentiamo parlare di continuo, alcuni ritengono sia una forma New Age, taluni soltanto una moda passeggera, altri, semplicemente un bisogno di evadere, solo in pochi considerano questa filosofia una Verità, impostando su di essa la propria esistenza.

Qui e ora significa vivere il momento, assaporarlo senza distrazioni, concentrati su ciò che si sta facendo, che sia il lavoro, una corsa, aprire la porta di casa o semplicemente farsi una doccia. Focalizziamo la nostra mente sui movimenti che compiamo, per esempio guardare la nostra mano che afferra la maniglia della porta, che taglia una mela, ascoltare il getto di acqua calda che a fine giornata lava via la pesantezza accumulata, ascoltare il rumore del vento…senza pensare…senza deviarci.

Se riusciamo ad essere centrati costantemente, il dolore risulterà sempre meno forte fino a sparire, il rancore accumulato cesserà di esistere, la gioia provata ci appagherà come mai prima, le vittorie arriveranno una dopo l’altra, e il nostro tempo, diverrà un immenso cielo senza più nuvole.

Tutto questo è il qui e ora! Un Maestro silenzioso che ci insegna la grandezza della semplicità! Un’antica Legge che non si impone, ma si dona!